Questo sito o i servizi terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

lino.jpg

Cena Propiziatoria

Potrebbe sembrare una normale cena tra amici, ma quella del sabato sera che precede il Palio è una serata speciale innanzitutto perché vi partecipano 250 persone (ma la richiesta è sempre maggiore); inoltre perché non mancano all’evento creature ancora rannicchiate nel ventre materno, bambini, giovani, adulti ed anziani; infine perché si respira un clima di euforia raro e coinvolgente.

Ma torniamo un attimo indietro. Questa fantastica cena non è un’improvvisata ma rispecchia il lavoro e la passione di un gruppo ben organizzato ed affiatato che già da mesi prima s’incontra per studiare tutti i particolari e rendere quest’evento il più bello possibile.

Quando il fatidico sabato arriva tutti sono pronti. Ognuno è e si sente indispensabile.

Nel pomeriggio donne e uomini forzuti si dedicano all’allestimento della piazzetta. In poco tempo l’asfalto vuoto e piatto viene ravvivato con tavole imbandite e piedi in continuo movimento. Ad un certo punto, ogni anno, si ode un “OHHH!!!” di stupore e meraviglia. È arrivata la torta. Torta gigante, torta sempre diversa, torta che rappresenta la contrada, torta succulenta e torta RIGOROSAMENTE SEGRETA fino all’ultimo minuto. I più curiosi riusciranno, con uno sguardo rapace, ad ammirarne la bellezza in anteprima. Gli altri dovranno attendere ancora un po’ . Dopo che questa protagonista di un istante viene sistemata in un luogo fresco e protetto da occhi indiscreti la ciurma si ricompatta per qualche commento e poi di nuovo tutti al lavoro. Non c’è tempo da perdere.

Prima che la cena abbia inizio si svolge la sfilata e quando i figuranti passano davanti alla piazzetta è già tutto pronto. I camerieri volontari in fila spiccano con i loro grembiuli neri e applaudono i figuranti. A fine sfilata tamburini, sbandieratici e cortigiani corrono a cambiarsi, mentre gli altri iniziano a sedersi.

Il menù della serata è sempre molto invitante e vario. La fantasia è una cosa che non manca a questa contrada! ANTIPASTO… cori, canti, risate, brindisi ed inni al fantino (sempre rigorosamente presente all’evento, ma solo fino ad un orario consentito!!! L’indomani c’è una gara da affrontare!!). PRIMO… cori, canti, risate, brindisi ed inni al fantino. SECONDO… cori, canti, risate, brindisi ed inni al fantino… e siamo già arrivati al momento della torta… Ora sì, ora la possono vedere tutti. Si forma una lunga fila per le fotografie, prima che la sua bellezza venga tagliata in mille fette.

Pensate sia finita? Non ancora. In genere il momento successivo alla torta è il più atteso. Sicuramente il più emozionante. È il KGP (comitato giovanile Prevostura) l’artefice di quel momento.

Il KGP ha una sua storia. Inizialmente succede che un gruppo di giovani si riunisce per creare qualcosa in comune. Poi succede che a questi giovani si uniscono altri giovani. Poi succede che questi giovani diventano anche amici perché quando si condivide una passione si finisce per voler bene a tutti coloro che incarnano quella passione. Poi succede che gli stessi giovani si sentono pronti a mostrare i frutti di questa loro passione anche a coloro che non fanno parte di quel ristretto gruppo. Succede anche che i giovani litigano e che molto spesso entrano in disaccordo. Ma poi ogni sabato sera succede una magia e la magia succede perché quegli stessi giovani che si vogliono bene, che affrontano momenti di crisi e vivono insieme momenti di gioia alla fine hanno tutti lo stesso scopo: divertirsi e far divertire, emozionarsi e far emozionare… Con i fuochi d’artificio, con una raccolta di foto che rappresenta vent’anni di storia, con una canzone strappalacrime, con uno striscione che racchiude parole importanti, con migliaia di coriandoli che scendono dal cielo, con una scritta infuocata che non va a fuoco… Non importa come… Alla fine ce la fanno sempre… Perchè ogni anno riescono a tatuare un pezzettino della loro passione nel cuore di ogni contradaiolo.

Così si conclude ufficialmente il nostro sabato sera… anche se per i più nottambuli la serata andrà avanti fino alle luci dell’alba.

Tutti andranno a dormire soddisfatti di aver trascorso una bellissima serata in compagnia e con la voglia di vincere il Palio il giorno successivo… Ma per passione il Palio… lasciatemelo dire… lo vinciamo tutti gli anni!!!